federico-colli

Federico Colli

Dopo il primo premio al Concorso Mozart di Salisburgo del 2011 e la vittoria con medaglia d’oro al Concorso di Leeds del 2012, Federico Colli ha intrapreso una serie di prestigiosi concerti in gran parte del mondo, ottenendo un grande successo di pubblico e di critica. “Con Federico Colli, dopo molto tempo, l’Italia ha ora un giovane pianista che ha tutte le possibilità di ricongiungersi alla grande tradizione di Arturo Benedetti Michelangeli e Maurizio Pollini. La sua profonda coerenza interpretativa e la sua attenzione ai chiaroscuri non si esauriscono in una esibizione virtuosistica, ma servono alla comprensione strutturale dell’opera” (W. Haussner, Ruhr Revierpassagen).

La sua interpretazione del Terzo Concerto di Rachmaninov con l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Temirkanov è stata particolarmente apprezzata al Teatro degli Arcimboldi di Milano e all’Auditorium del Lingotto di Torino per il Festival Internazionale MiTo 2013. “Con suono netto e squillante, Federico Colli non solo conquista la meta – mostrando una tecnica di estremo virtuosismo – ma riesce anche ad ottenere una sua personale lettura del demoniaco Rach 3, rivelando la natura liberty, decorativa ed insinuante del concerto” (Carla Moreni, Il Sole 24 Ore).

Assai acclamate sono state le esibizioni in Germania con la Klassische Philharmonie Bonn diretta da H. Beissel (Konzerthaus di Berlino, Beethovensaal di Stoccarda e Beethovenhalle di Bonn, Herkulessaal di Monaco e Laeiszhalle di Amburgo), al Musikverein di Vienna e al Teatro ITAIM di San Paolo del Brasile, alla Nikkei Hall e alla Musashino Cultural Hall di Tokyo, alla Sala Nezahualcóyotl di Città del Messico con l’Orchestra Filarmonica de la UNAM diretta da Pier Carlo Orizio, al Gewandhaus di Lipsia e alla Amphi-Saal di Dortmund, allo Sheldonian Theatre di Oxford con la Oxford Symphony Orchestra diretta da M. Papadopoulos, al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo con la Mariinsky Symphony Orchestra diretta da D. Botinis, alla Filarmonica di Varsavia con la Orchestra Sinfonica Nazionale della Radio Polacca diretta da J. Kaspszyk, in una emozionante serata con Martha Argerich e Nelson Freire.

Nato a Brescia nel 1988, ha studiato al Conservatorio di Milano, all’Accademia S. Cecilia di Bergamo, all’Accademia Pianistica di Imola ed al Mozarteum di Salisburgo, sotto la guida di S. Marengoni, K. Bogino, B. Petrushansky e P. Gililov.

Più recentemente, ha suonato alla Konzerthaus di Vienna con l’Orchestra da Camera di Vienna diretta da J. Hattori, alla Philharmonic Hall di Liverpool con la Royal Liverpool Philharmonic Orchestra diretta da V. Petrenko, alla Salle Cortot di Parigi, al Teatro Manzoni di Bologna e al Muziekgebouw di Eindhoven. In sostituzione di Boris Berezovsky, ha suonato al Teatro Grande di Brescia e al Teatro Donizetti di Bergamo con la Filarmonica del Festival diretta da Pier Carlo Orizio. Con il suo debutto alla Queen Elizabeth Hall di Londra, è stato presentato un CD solistico prodotto da Champs Hill Records con opere di Beethoven, Skrjabin e Musorgskij.

È apparso sulle copertine della rivista Suonare news e della rivista inglese Pianist ed è stato inserito dalla rivista britannica International Piano tra i trenta pianisti under 30 emergenti a livello mondiale. Nella Stagione 2014-2015, spiccano i concerti a Kiev con la Filarmonica Nazionale Ucraina diretta da R. Kofman, alla Jerwood Hall di Londra nella Stagione della London Symphony Orchestra / BBC Radio3, a Roma per I Concerti del Quirinale, a Milano per la Società dei Concerti, a Leeds con l’Orchestra of Opera North diretta da K. Bakels, a Firenze con l’Orchestra della Toscana diretta da S. Kochanovsky, a Torino con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI diretta da F. M. Bressan e al Concertgebouw di Amsterdam con la South Netherlands Philharmonic diretta da E. Spanjaard.